ALTRO 

MILIONARIO IN UN MESE CON 10€ IN PORTAFOGLIO

La storia del milionario italiano 30enne Riccardo Coppetta sembra quasi una favola ma è successa veramente!

Guardando il suo abito Dolce&Gabbana perfettamente su misura e il nuovo orologio Rolex Sky-Dweller, non riuscivo a credere che solo pochi mesi fa Riccardo Coppetta fosse un ragazzo disoccupato con un debito di 39.000 euro e solo 10 euro in tasca. Ora ha 3.911.414,37 euro sul conto corrente e guadagna perfino di più ogni giorno.

“Sono cresciuto in una famiglia povera di Val Rezzo, in provincia di Como”, racconta Riccardo. “Non eravamo diversi da molte altre famiglie italiane: troppi figli, troppo pochi soldi. Dopo il diploma non ho nemmeno pensato di andare all’università: come figlio maggiore volevo aiutare i miei genitori, così ho trovato subito lavoro come spazzino. I soldi che guadagnavo erano a malapena sufficienti per arrivare a fine mese. Poi mia madre si è ammalata gravemente e abbiamo avuto bisogno di fondi per pagare le medicine che non potevamo permetterci, così ho iniziato a chiedere soldi in prestito ai miei amici e successivamente ho contratto un prestito in banca.

All’inizio era tollerabile, io e mio padre cercavamo di risparmiare piccole somme di denaro e di pagarle alla banca, quando all’improvviso mi hanno licenziato. Lo stipendio di mio padre non bastava mai e senza una laurea non riuscivo a trovare lavoro. Ricordo il giorno in cui ho pensato che fosse la fine: avevo gli ultimi 10 euro in tasca e stavo camminando per strada dopo un’altro colloquio andato male, cercando di non piangere.

Ciò che è accaduto in seguito mi stupisce ancora: stavo guardando un sito per cercare lavoro, quando i volti di alcune persone famose (non vi dirò chi per non far sembrare che gli stia facendo pubblicità) hanno improvvisamente catturato la mia attenzione. Ero interessato: sono un loro fan da molto tempo e nutro grande rispetto nei loro confronti. Suggerivano come fare soldi: proprio quello di cui avevo bisogno.

Gli altri credono che sia perché fondamentalmente queste persone sono stupide. Ho seguito il link ed è venuto fuori che si trattava del sito di opzioni binarie BizOps News. Allora avevo sentito solo pareri negativi sul mercato del opzioni binarie. I miei amici prendevano addirittura in giro chi faceva trading, ma io ho pensato che delle persone così famose non avrebbero messo a repentaglio il loro nome se si fosse trattato di una truffa!

Ho deciso di scoprire la verità, così ho letto le informazioni sul sito de BizOps News e ho visto un video tutorial. Il sistema sembrava semplice, non avevo notato nulla di sospetto o illegale, ma le parole dei miei amici mi davano fastidio e minavano la mia fiducia.

Quella notte non sono riuscito a dormire, mi sono girato e rigirato nel letto cercando di prendere una decisione. Al mattino ho depositato 10€ sull’account de BizOps News, ho riguardato il tutorial e ho iniziato a fare trading. Ho cominciato a guadagnare quasi immediatamente.

L’ho tenuto nascosto a tutti, temendo che avrei perso tutti i soldi e che sarei diventato lo zimbello del paese. Non volevo dare false speranze ai miei genitori. Ma non ho perso niente, tant’è vero che un mese dopo ho detto alla mia famiglia di fare i bagagli perché ci saremmo trasferiti in un nuovo appartamento acquistato con i soldi che avevo guadagnato.

Quindi, per chi è disperato: so che a volte la vita è dura. Non credete alle parole di nessuno! Il mercato del opzioni binarie è la soluzione a tutti i vostri problemi. Se avessi ascoltato i miei amici, adesso non sarei qui a raccontarvi come guadagnare. Potete farlo anche voi!”

Quando ho chiesto a Riccardo se mi mostrava il suo portafoglio digitale, dato che non avevo mai visto così tanti soldi, ha accettato volentieri:

“Certo, non ho nulla da nascondere! Non sono mica un criminale, ho guadagnato questi soldi in modo onesto. Così magari chi ha ancora dei dubbi vedrà che funziona davvero.”

Ho lasciato Riccardo sorridente e felice e per un po’ di tempo mi sono chiesto quanto sia strana la vita. È su questo che dovreste riflettere: se un povero disoccupato italiano senza istruzione universitaria ce l’ha fatta, potete riuscirci sicuramente anche voi!

Related posts