JUVENTUS 

LA CONFERENZA STAMPA DI ALLEGRI E BONUCCI PRE MANCHESTER UNTED

 

Massimiliano Allegri parla alla vigilia del match tra Juventus e Manchester United: “Mi hanno fatto piacere le parole di Cristiano. Divertimento vuol dire vittoria. Ora le cose vanno bene ma in questa parte della stagione non si vince nulla. Domani potrebbe essere il primo obiettivo che possiamo raggiungere da primi o qualificati, poi dovremmo rituffarci sul campionato. Conta arrivare a marzo nelle migliori condizioni fisiche e mentali. La Supercoppa sarà il secondo obiettivo della stagione.”

BENATIA – “E’ stato magari uno sfogo. Lui lo sa come tutti. Essere in una grande squadra comporta anche poter star fuori. Benatia ha giocato quasi il 50% di partite in un reparto dove ci sono giocatori importanti. Lo considero pari agli altri, è difficile trovare calciatori del suo livello, come Barzagli, Chiellini, Bonucci e Rugani che a Empoli ha fatto gli ultimi minuti in maniera importante. Ci sta anche lo sfogo.”

INFORTUNATI – “La caviglia di Mandzukic va bene. Domenica doveva fare gli scalini avevo paura che gli tornasse il dolore. Ho fatto prevenzione sulla caviglia. Per quanto riguarda gli altri, stamani ho letto che ne avevo 10-12 morti, ho chiesto al dottore: ‘Dove sono i morti?’. Sono fuori solo Kean, Berna e Douglas. Khedira e Mandzukic sono a disposizione, gli altri pure. Dobbiamo fare meglio che a Manchester. Loro sono una squadra che può essere pericolosa in ogni momento della partita. Dovremmo stare attenti alle ripartenze perché loro davanti sono veloci. Domani ci giochiamo tanto.”

FORMAZIONE – “Non ricordo chi ha giocato a Manchester. Cuadrado è in un buon momento, devo decidere su Matuidi, Khedira è in condizione, Bentancur ha 20 anni e recupera velocemente, Matuidi potrebbe anche riposare.”

MANDZUKIC – “L’altro giorno aveva male alla caviglia. Ho preferito lasciarlo a casa. Ho fatto la battuta sugli scalini, Mario è un giocatore importante per noi. Aiuta i compagni e segna gol. Averlo a disposizione per noi è importante. Sono felice. Ogni anno gli capita. Il primo anno aveva un’infezione che non andava via. Ogni tanto gli capitano queste cose, quando non sta bene è giusto che recuperi. Lo stesso Bernardeschi è mezzo e mezzo e preferisco lasciarlo fuori. Se lo porto magari mi viene voglia di metterlo per uno spezzone e si fa male, magari meglio averlo al 100% domenica.”

RONALDO – “Non ha ancora segnato? Farà gol domani. Ha giocato una partita e ha fatto un assist.”

Related posts