JUVENTUS 

PARLA BERNARDESCHI

L’anno è appena iniziato, e si parte subito forte, con due partite da dentro/fuori, una delle quali mette in palio il primo trofeo del 2019, mercoledì prossimo. Ne è cosciente, ed è già concentratissimo, Federico Bernardeschi, che racconta così questa ripresa.

«Stiamo molto bene, ci aspettano due partite decisive, la Coppa Italia e la Supercoppa, che vanno affrontate nel modo giusto. A Bologna mi aspetto una serata non semplice, è la prima dopo la sosta e sarà ancora più impegnativa perché ricominciare non è mai facile. Ci vorrà molta attenzione». E poi la Supercoppa:«Completamente diversa, ma entrambe le partite concorrono al nostro obiettivo, che è vincere tutte e due le competizioni. A Jeddah ci aspetterà anche un bello sbalzo climatico, ma saremo pronti. L’importante sarà approcciare la partita nel modo giusto».

LA STAGIONE DI FEDERICO

«Ho avuto due piccoli infortuni, ma fa parte del mestiere, un calciatore deve essere pronto anche a questo. Adesso devo dare continuità agli allenamenti, per dare una mano alla squadra. Stiamo lavorando molto, il Mister mi spiega gli aspetti su cui io devo migliorare, e io sono convinto che un calciatore debba sempre mettersi in discussione e sfidare sé stesso, anche e soprattutto a livello mentale: vale a dire, essere presente e concentrato in quello che si fa. La Juventus mi ha dato e mi sta dando consapevolezza, forza e potenzialità, e mi sta aiutando a far crescere il mio talento, applicandomi con umiltà».

MENTALITA’ BIANCONERA

«La mentalità Juve è un qualcosa che vivi ogni giorno: sai che vai al campo e devi dare tutto te stesso. Piano piano ti rendi davvero conto di quello che significa essere alla Juve, qualcosa di differente dalle altre squadre, che a me piace molto»

A tal proposito, su Cristiano: «Basta vederlo lavorare e si impara molto. Mi ha sorpreso per la sua grande mentalità, una scoperta a livello umano, nel modo di stare in spogliatoio e dare carica e responsabilità ai compagni. E’ un grandissimo professionista e fa tanto bene averlo con noi».

CAPITOLO CHAMPIONS

«Dobbiamo pensare a tutte le partite che ci aspettano, prima della doppia sfida con l’Atletico. Quando arriverà il momento si alzerà la tensione, ma saranno le sfide precedenti che ci permetteranno di arrivare preparati».

Infine: Bernardeschi sarà contento se…? «Se la Juve raggiungerà tutti gli obiettivi, e se riuscirò a dare una mano a farlo».

Related posts