EDITORIALE JUVENTUS 

ALLEGRI E’ UN INCUBO,MA QUANDO SE NE VA!!! di Sergio Vessicchio

Anche contro l’Empoli la solita litania.Una Juventus inguardabile,fischiata,non all’altezza del suo blasone ne del suo grande organico,me delle aspettative di una tifoseria che non vuole essere sfottuta da chiunque. Nonostante leassenze di Khedira,Cristiano e di Dybala due campionissimi,ieri sera lo scadente tecnico livornese aveva a disposizione una rosa di primissimo livello ma è riuscito per l’ennesima volta ad incartare il tutto lasciando in panchina l’uomo del momento colui messo a a marcire per colpa delle idee vergognose di questo scadente allenatore che frena le aspettative di ogni campione.Quando ha dovuto penare Dybala,come è dovuto scappare Coman,e ora è toccato a Kean fatto esplodere da Mancini in nazionale in chiave Balotelli e mai preso in considerazione da questo strano personaggio che ha avuto la fortuna di allenare i due club più importanti del calcio italiano in una contigenza positiva. Allegri è un passo indietro rispetto alla crescita del sistema e finisce per dare ragione alle iniziative di una federcalcio in liquidazione nella credibilità quando impone gli under nei dilettanti.Allegri è lo spot peggiore per il calcio,un elemento di fastidio della crescita del sistema.Le sue conferenze stampa sono un ‘offesa al calcio e all’intelligenza di ognuno di noi.Non parla mai di calcio fateci caso di fronte a quella schiera di giornalisti scendiletto preoccupati più di non essere acreditati se fanno domande scomode che nel fare bene il loro lavoro.Allegri è la parte marcia del sistema Juventus senza il quale probabilmente il ciclo della Signora del calcio italiano avrebbe avuto un’altra impostazione e forse delle basi solide per vincere di più mentre la consecutività degli scudetti è stata messa in forte dubbio da questo irritante allenatore incapace di apllicare l’unico modulo vincente a tutti i livelli il 3-5-2 lontano dal suo credo e senza il quale in Europa “zeru tituli”.Lui non sa allenare,non conosce come si applicano i sistemi di gioco e non riesce ad intuire la predisposizione dei calciatori ai quali cambia ruolo alla viva il parroco.Non ha niente per fare l’allenatore.La Juventus vince perchè ha sempre vinto,perchè ha un organico mostre,ha singoli fantastici.Non far giocare bene questa squadra è la cartina di tornasole dell’inadeguatezza di Allegri.La serata stellare contro l’Atletico madrid è l’eccezione della regola.L’eccezione ad una condizione disarmante della “scarsezza” di Allegri.Ora basta con questo non ce la facciamo più.Sergio Vessicchio


WWW.CANALECINQUETV.IT

Related posts