allegriEDITORIALE JUVENTUS 

GLI HANNO TOLTO IL GIOCATTOLO PERCIO’ ALLEGRI PIANGE.ORA SI TOLGA DAI PIEDI di Sergio Vessicchio

Un arrogante e presuntuoso che ha voluto intenerire la gente nel giorno in cui è stato cacciato fuori a calci in culo.Agnelli ha tentato invano di dargli le carazze e di metterla sull’amicizia ma non lo ha consolato.Il giocattolo Juventus nelle sue mani era troppo bello da maneggiare.Non crediamo a niente delle sue tenere parole.Ci troviamo davanti ad una persona senza scrupoli capace di far piangere giocatori,bandiere e di massacrare prospettive umane sulle quali la Juventus stava lavorando.In molti hanno la memoria corta,dimenticano presto le porcherie che ha combinato tenute nascoste dalla società.Ha litigato con tantissimi calciatori.Non vi lasciate ingannare dal commiato in conferenza stampa.pensate ai volti di DYbala,di coma,di Tevez,di Pirlo,Higuain e di tanti altri giocatori stritolati da questo imbarazzante improvvisato che ha tenuto in mano un giocattolo che gli ha permesso di arricchire il suo palmeras e lo ha usato a proprio piacimento.Adesso ha finito.Ha tirato troppo la corda anche volendo giustificare le sue nefandezze come ha fatto a sky dove è stato ridicolizzato dall’ultimo degli intenditori di calcio quell’impresentabile di Adani .Basta ricordare come fu cacciato dal Milan a calci nel sedere con tutta la dirigenza e la tifoseria contro.Lì spaccò spogliatoio,dirigenti e società.Pippo Inzaghi lo mise fuori da Milanello con uno schiaffone.Alla Juventus il tutto è stato gestito con parsimonia, mascherato dai risultati della squadra nei quali non c’è nessun merito di Allegri,nessuno.E’ inutile che ci vengono a ricordare le vittorie con lui(11 e 9 sconfitte).Nelle vittorie bianconere con Allegri in panchina non c’è la mano del tecnico ma di una società brillantissima che ha costruito un ciclo vincente che Allegri ha messo in discussione con le sue scrizzofenie tattiche e tecniche,con i suoi esperimenti fino all’ultima giornata,con il maltrattamento dei campioni che sovente ha tenuto in naftalina,con la distruzione di altri giocatori emergenti,ricordiamo per tutti un Lemina distrutto senza indugi.

Nessuno dica che lui ha fatto vincere la Juventus,è la Juventus che ha fatto vincere lui.nessuno lo vuole,si è messo sul mercato e siamo certi che in qualsiasi squadra va sarà rispedito al suo nuovo procuratore Branchini come una raccomandata con ricevuta di ritorno.Piange perchè gli hanno tolto il giocattolino di mano,strozzellato a suo piacimento,gestito con una spocchia vergognosa,maneggiato e rivoltato come la plastichina .Alla conferenza stampa c’è stato un inno all’ipocrisa.Agnelli ha dovuto parare il colpo di un ambiente ormai ostile ad Allegri cacciato non adesso ma almeno tre mesi fa quando la pressione fu incessante e fu costretto a scappare dai social.I giocatori fanno tweet consigliati dai loro procuratori,tfosi che giustamente lo hanno da tempo bocciato che ora s’inteneriscono.Basta con questo personaggio antipatico,la Juventus si è liberata di una zavorra,di un peso troppo grande.Non a caso Nedved,assente volutamente alla conferenza stampa,ha messo un out out sulla conferma di questo soggetto baciato dalla fortuna per aver allenato la Juventus nel ciclo più brillante della sua storia.

E c’è una cosa che mai perdoneremo ad Allegri:Non ci siamo divertiti per le vittorie del momento storicamente più alto della storia della Juventus.Questo mai lo supereremo ed è ipocrita chi afferma il contrario e pone le vittorie per difenderlo solo perchè era un tesserato della Juventus.Noi non abbiamo nessun intenerimento e siamo solidali con i calciatori presi di mira,offesi e vilipesi da questo soggetto.E’ vero i giocatori passano,gli allenatori passano,la Juventus resta per questo mai abbiamo osannato i giocatori ma in questo momento vogliamo essere solidali verso quei calciatori mortificati nella dignità da questo allenatore cacciato a calci.Alleluia se ne è andato. Sergio Vessicchio

WWW.CANALECINQUETV.IT

Related posts