JUVENTUS 

MARCHISIO: “ALLO ZENIT HO SCELTO LA 10 IN ONORE A DEL PIERO”

Marchisio: “Ho scelto la 10 per Del Piero” “Il numero 10 l’ho scelto per vari motivi, tra cui quello di Alessandro Del Piero, è sempre stato il mio idolo sin da bambino, e anche perché erano i numeri disponibili, sono arrivato quando la stagione era già iniziata. Non mi considero un vero 10, ho un ruolo diverso però sono legato a questo numero avrei voluto tanto indossarlo e c’è stata la possibilità”. I consigli degli ex compagni della Juve sul passaggio allo Zenit “E’ Un periodo molto intenso ed emozionante,…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

MERCATO SBAGLIATO A CENTROCAMPO,ROSA RIDOTTISSIMA.MARCHISIO E MANDRAGORA MANCANO.PJANIC E BENTACOUR INADEGUATI

Bentacour è una vergogna di calciatore,non regge i ritmi e Pjanic è un giocatore sopravvalutato prima se ne va meglio è non si può guardare.Ad Empoli la coperta è cortissima non sono ammesse disattenzioni ne pass falsi le concorrenti volano. E dove, in fondo, bisognerà in qualche modo sopperire a tutto quello che è stato speso a Old Trafford. Ecco perché le scelte di Allegri saranno decisive, in Toscana ancor di più. E senza Khedira ed Emre Can, vanno fatti due conti. Khedira rientrerà il 3 novembre per il Cagliari: il problema ai…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

PARLA IL PADRE DI MAFRCHISIO: “VOLEVA CHIUDERE LA SUA CARRIERA CON LA JUVENTUS”

Claudio Marchisio ha lasciato la Juventus lo scorso 17 agosto, salvo poi legarsi allo Zenit San Pietroburgo, di cui oggi è numero 10. Sulle pagine di Tuttosport ha parlato il padre e agente, Stefano: SENSAZIONI DA PADRE – “Non ero mai stato a San Pietroburgo in passato e ho scoperto un gioiellino di città: è un po’ Venezia e un po’ Parigi, soltanto più fredda. Poi è molto pulita, ordinata, moderna: bellissima. Ma sono contento soprattutto perché ho visto Claudio felice e soddisfatto della sua nuova avventura. Lo hanno accolto alla grande”. SENSAZIONI DA PROCURATORE – “Non ho…

LEGGI ANCORA
CALCIO EDITORIALE 

ARROGANTE,RACCOMANDATO SCARSO E PRESUNTUOSO,MANCINI E’ SOLO UN FALLITO di Sergio Vessicchio

E’un raccomandato che non sa fare la O con il bicchiere.Scarso,arrogante,presuntuoso e incapace.Ma lo diciamo da tempo non dopo queste prime 4 partite con la nazionale che con lui ha segnato un solo goal peraltro su rigore.I risultati di questi giorni sono solo la cartina di tornasole della sua incapacità.In una gara così importante come quella con il Portogallo ha definitivamente accantonato il blocco della Juventus e in squadra non c’era nessuno della squadra che negli ultimi sette anni ha vinto ben sette campionati. Predica che per colpa degli stranieri…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

MARCHISIO POLEMICHE SULL’AEREOPORTO: “MI FACEVANO PASSARE PER INFORTUNATO QUANDO NON LO ERO”

«Lo Zenit? Ormai, io e la mia famiglia siamo abituati a questa nuova realtà e a questa esperienza e oggi partiamo per viverla tutti insieme. Ora quello che conta per me è arrivare subito là, conoscere di persona l’allenatore, la squadra e ringraziarli per questa opportunità che mi stanno dando e di continuare con loro questa stagione, iniziata bene: sono primi in classifica».   L’addio di Marchisio alla Juve: “Mai avrei immaginato questo momento”     Così Claudio Marchisio, proiettandosi alla nuova avventura che lo porterà a San Pietroburgo dopo…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

MARCHISIO,LE SUE PAROLE D’ADDIO,COMMOVENTI E PIENE DI AMORE

  “Mille pensieri e mille immagini mi hanno accompagnato per tutta la notte. Non riesco a smettere di guardare questa fotografia e queste strisce su cui ho scritto la mia vita di uomo e di calciatore. Amo questa maglia al punto che, nonostante tutto, sono convinto che il bene della squadra venga prima. Sempre. In una giornata dura come questa, mi aggrappo forte a questo principio. Siete la parte più bella di questa meravigliosa storia, per questo motivo tra qualche giorno ci saluteremo in modo speciale. D’altronde l’8 non è altro…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

“IO RESTO QUI”, L’AMORE DEL PRINCIPE RIEMPIE D’ORGOGLIO LA JUVENTUS.ALLA FACCIA DI ALLEGRI

Un principe è pur sempre un principe. Claudio Marchisio è un eccellenza non solo come calciatore ma come uomo.Infinitamente bello, bello oltre misura, legato alla sua Juventus,l’amore di una vita.La delicatezza del suo volto,i suoi tratti lineari e composti, la sua inimitabile postura sono scolpiti nei cuori dei tifosi.  Il suo nome è stato accostato a tantissime squadre nell’estate del calciomercato, addirittura anche agli storici rivali cittadini del Torino, con relativa smentita ufficiale dei granata. Claudio Marchisio, il Principino dei tifosi bianconeri, ha legato indissolubilmente il suo nome a quello della società…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

DOPO LE LITI CON ALLEGRI MARCHISIO DICE NO AL TORINO: “NON VADO A NESSUNA SQUADRA ITALIANA”

Allegri lo ha praticamente distrutto. L’allenatore bianconero non ha avuto nessun rispetto di questo ragazzo,di questa icona bianconera. Marchisio rimane però il principino.Un uomo d’altri tempi,una bandiera. Al momento è solo una suggestione – scrive La Stampa -, ma il club di Cairo sta pensando di portare dall’altra parte della città un’autentica bandiera bianconera. L’approccio avverrà a Ibiza nel week-end, dove Marchisio si trova per festeggiare i dieci anni di matrimonio con la sua Roberta. Sulla stessa isola è prevista la presenza anche del direttore sportivo granata Gianluca Petrachi, per altri impegni programmati. Ma…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

MARCHISIO TITOLARE E LA JUVENTUS TORNA A GIOCARE BENE,CON MANDZUKIC E PJANIC E’ UN DISASTRO

Nella gara vinta in casa contro l’Udinese la Juventus ha ritrovato la brillantezza e la lucidità dei tempi migliori. Il motivo principale è l’esclusione dal primo minuto di due giocatori che  fanno andare in sofferenza la squadra e la rendono vulnerabile e attaccabile.Pjanic e soprattutto Mandzukic quest ultimo diventato un vero pericolo pubblico per la Juventus perchè viene schierato in un ruolo dove per nessuna ragione al mondo potrebbe giocare.Lui è una punta forte e fa degli sforzi enormi per giocare esterno dove viene ridicolizzato dall’allenatore e dagli avversari e…

LEGGI ANCORA
BUFFON JUVENTUS 

HIGUAIN INVENTA E BUFFON CONSERVA LA JUVENTUS PASSA A BERGAMO NELLA SEMIFINALE DI COPPA ITALIA

ATALANTA-JUVENTUS 0-1 (primo tempo 0-1) MARCATORE: 3′ pt Higuain. ATALANTA (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Palomino, Masiello; Hateboer, de Roon, Freuler, Castagne; Cristante (32’st Barrow); Cornelius (1’st Ilicic), Gomez (37’st Petagna). (Gollini, Rossi, Orsolini, Gosens, Caldara, Mancini, Haas, Schmidt, Bastoni). All. Gasperini JUVENTUS (4-3-3): Buffon; De Sciglio, Benatia (37’st Barzagli), Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic (45’st Bentancur), Matuidi; Douglas Costa (18’st Bernardeschi), Higuain, Mandzukic. (Szczesny, Pinsoglio, Lichtsteiner, Rugani, Asamoah, Marchisio, Sturaro). All. Allegri ARBITRO: Valeri di Roma NOTE: al 25’pt Buffon ha parato un rigore a Gomez. Ammoniti Chiellini (J), Toloi (A),…

LEGGI ANCORA