CALCIO 

LA NUOVA VITA DI GUGLIELMO STENDARDO OGGI IN PRIMA PAGINA SUL CORRIERE DELLO SPORT

        LA SETTIMANA SCORSA SULLA GAZZETTA DELLO SPORT       QUESTO L’AMPIO SERVIZIO SU GIANLUCADIMARZIO.COM   L’ex centrale è tornato a giocare in Promozione a 37 anni e noi l’abbiamo incontrato dopo l’esordio: “Il campo mi è mancato!”. Dalla gara in Champions con il Real Madrid alla Juventus di Ranieri, fino alla sua nuova vita da docente Guglielmo Stendardo ama la filosofia e nel tempo libero legge Cartesio: “Amo i pensatori che hanno influenzato il mondo”. Come Socrate, Aristotele, ovviamente Dante. La Divina Commedia: “Il V Canto dell’Inferno è…

LEGGI ANCORA
CALCIO JUVENTUS 

L’EX JUVENTUS DA DIFENSORE A DOCENTE UNIVERSITARIO:LA NUOVA VITA DI STENDARDO:”IL CALCIO E’ SOLO UNA PARENTESI”

Appena risponde al telefono si intuisce l’importanza del suo nuovo ruolo: “Sì pronto, sono l’avvocato Stendardo”. Tra i tanti impegni che ha durante la giornata è difficile trovare un momento libero per chiamarlo: “Ora ho un po’ di tempo, stavo giusto entrando in aula, tra poco inizio la lezione”. Un attimo di silenzio, poi spiega: “Sì, ora sono un docente universitario di Diritto dello Sport, affianco il professore Lubrano alla Luiss”. Guglielmo Stendardo è un uomo nuovo, ma la sua vita è rimasta in difesa. Prima sui campi da calcio, ora nel ruolo di avvocato a tutela dei diritti dei calciatori:…

LEGGI ANCORA
CALCIO 

Pescara, Stendardo lascia il calcio. Giocò sei mesi nella Juventus

PESCARA – Willy Stendardo lascia il calcio. Il difensore ha rescisso in anticipo di quattro mesi il contratto che lo legava al Pescara. Si chiude qui una carriera di alto profilo. Il centrale 37enne, infatti, è un ex di Juventus (giocò sei mesi in prestito in bianconero raccogliendo 6 presenze nel 2008), Napoli, Salernitana, Catania, Lazio, Perugia, Atalanta, Sampdoria e Lecce. Stendardo è avvocato da quasi quattro anni, mentre giocava ha appeso al muro una laurea in giurisprudenza. “Ringrazio il Pescara e tutta la tifoseria. Mi dispiace non aver potuto dare un contributo. Abbiamo raggiunto un accordo. Mi auguro che ci…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

Stendardo: “La Juve un’esperienza unica

“Potevo rimanere, ma il prezzo del riscatto era troppo alto” TORINO – L’’ex difensore della Lazio Guglielmo Stendardo, al quotidiano il Centro, ha ricordato anche il suo passato alla Juventus: “Ero in prestito dalla Lazio. Potevo restare perché l’allora tecnico bianconero, Claudio Ranieri, avrebbe voluto tenermi. Però Claudio Lotito fissò a 12 milioni di euro il riscatto del cartellino. Un prezzo esagerato, basti pensare che lo stesso anno Ronaldinho passò al Milan per 15 milioni. Ma è stata comunque un’esperienza unica”.  

LEGGI ANCORA