EDITORIALE JUVENTUS 

L’ADDIO A BONUCCI SIGNIFICA MOLTE COSE,MA FORSE NON LE SAPREMO MAI DI SERGIO VESSICCHIO

Quanto è successo o sta succedendo nella Juventus probabilmente non si saprà mai. Dall’esterno si può solo intuire la similitudine tra Il Milan di Allegri e la Juventus di Allegri.Stanno scappando tutti.Strategia societaria o spaccatura tra la squadra è Allegri? O ancora più grave frattura tra varie componenti della squadra.Una cosa è certa la situazione che si presenta fuori è tutt’altro che edificante.Se poi vogliamo entrare nel merito possiamo dre che la cessione di Bonucci vuol dire addio definitivo alla difesa a 3 e questo sarebbe un grosso guaio.Bonucci nella difesa a tre è indispensabile e anche bravo,nella difesa a 2 o a 4 come dir si voglia è scadete,lento,impacciato e senza nessuna garanzia andatevi a vedere i numeri per cui serve a poco o niente continuarlo ad avere in rosa se la difesa a 3 è stata distrutta.Il problema rimane comunque Allegri da qualsiasi angolazione la si vuole vedere.Una vergogna di allenatore,imbarazzate,rissoso e senza scrupoli.Chi scrive mai è stato dalla parte dei giocatori e mai lo sarà ma francamete pensare a svendere il patrimonio della squadra per la presenza di questo scadente tecnico è il massimo.L’ultima ipotesi e si spera sia la più verosimile è quella legata al cambi generazionale,alle scelte di rinnovamento e soprattutto alla ricerca di persone con nuovi stimoli.Se si va in questa direzione forse la cessione di Bonucci è centrata,capitalizzata al massimo e piena di suggestivi vantaggi.Sergio Vessicchio

Related posts