JUVENTUS 

JUVENTUS, RIVOLUZIONE IN VISTA? IL FUTURO DEI BIANCONERI SUL MERCATO

La qualificazione alla prossima Champions League è ancora tutta da conquistare, ma la Juventus guarda già alla prossima stagione, a quella che inevitabilmente sarà un nuovo punto di partenza dopo un decennio di trionfi. Si può dire ormai quasi con certezza che lo Scudetto quest’anno non arriverà ed è la prima volta che accade dall’ormai lontano 2012, numero che fa capire la portata dell’evento in casa Juventus. Impossibile dunque non pensare a possibili rivoluzioni, anche se non è detto che cambi tutto. Per essere confermato Andrea Pirlo ha ovviamente bisogno di raggiungere i primi quattro posti della classifica, ma qualora arrivasse anche la vittoria della finale di Coppa Italia contro l’Atalanta non è detto che a fine anno si cambi nuovamente allenatore, anzi. Più probabile che ci siano dei cambiamenti in formazione, con alcuni senatori che potrebbero abbandonare e forze fresche inserite per iniziare in maniera definitiva una nuova era in casa Juventus.

RONALDO E DYBALA: CHI RESTA E CHI PARTE?

Se si parla del calciomercato della Juventus è inevitabile partire dai due casi più spinosi in casa bianconera. La maglia scagliata a terra (o forse “consegnata” a un raccattapalle) al termine della gara contro il Genoa è l’ultimo segno di insofferenza che Cristiano Ronaldo ha manifestato in questi mesi. Parliamo di uno dei più grandi giocatori della storia di questo sport, uno che vuole sempre competere per i massimi risultati e che sicuramente non ha gradito le eliminazioni dalla Champions League nelle ultime tre stagioni e il campionato interlocutorio di quest’anno. Questa insofferenza può portare a un addio a fine stagione? E’ ancora presto per dirlo, sarà lo stesso Ronaldo a decidere a giugno cosa fare del proprio futuro. Non c’è dubbio che per restare a Torino, il campione portoghese si aspetta una Juventus che possa essere competitiva per vincere tutto. Discorso differente invece per Paulo Dybala, sul quale pesa un contratto in scadenza a giugno 2022. La stagione dell’argentino è stata tutt’altro che positiva, a causa di una lunga serie di problemi fisici, ma non è tanto sotto il profilo tecnico che le parti non si stanno trovando, quanto più su quello economico. Il calciatore vorrebbe infatti un aumento dello stipendio (che attualmente è di 7.3 milioni di euro netti a stagione), concessione che la Juventus non è disposta a fare (almeno alle cifre richieste da Dybala). A questo punto le strade che si aprono di fronte a Dybala sono principalmente tre: la prima porta a una cessione la prossima estate, quando il club bianconero potrebbe provare a incassare una cifra che si aggira sui 60-70 milioni di euro (anche se viene difficile pensare che qualcuno possa offrirli, sapendo che Dybala si libererebbe a zero l’anno successivo). La seconda è quella di un rinnovo di contratto alle condizioni della Juventus, mentre la terza è quella che porterebbe a una separazione a parametro zero alla scadenza del contratto. Ipotesi quest’ultima da non scartare, visto che al momento la Juventus sarebbe sicuramente più propensa a perdere il giocatore gratis piuttosto che rinnovargli il contratto alle cifre richieste dal suo entourage.

CHIELLINI E BUFFON: ADDIO AI SENATORI?

Due bandiere che potrebbero essere ammainate al termine della stagione, quelle di Giorgio Chiellini e Gianluigi Buffon. Entrambi i senatori della Juventus hanno il contratto in scadenza a fine anno e al momento la Juventus non ha ancora cominciato i colloqui con nessuno dei due per un eventuale rinnovo. Il rapporto tra i due calciatori e il club è talmente forte che non c’è bisogno di sentirsi con largo anticipo per trovare una soluzione, ma il fatto che a due mesi dalla fine del contratto non si sia ancora parlato di nulla apre all’ipotesi addio. Praticamente impossibile in ogni caso che si arrivi a una rottura tra le parti, più probabile invece che Chiellini e Buffon (in caso di addio al calcio giocato) vengano inseriti nei quadri dirigenziali del club. In ogni caso sarà direttamente Andrea Agnelli a decidere, probabilmente al termine di un incontro nel quale testerà le volontà dei due campionissimi bianconeri.

NUOVI ARRIVI: CHI NEL MIRINO DELLA JUVENTUS?

Per qualcuno che parte, ci sarà sicuramente qualcuno che arriverà a rinforzare la rosa bianconera. Per il momento i nomi sul taccuino dei dirigenti sono principalmente due, entrambi che conoscono molto bene il campionato italiano. Il primo è Emerson Palmieri, terzino sinistro della Nazionale di Mancini, oggi al Chelsea ma con un passato nella Roma. Il calciatore ha infatti espresso in questi giorni al club inglese la propria volontà di tornare in Italia e al momento la squadra più interessata sembra essere proprio la Juventus. Chiaramente il Chelsea non svenderà un patrimonio come Emerson, ma lo cederà soltanto nel caso in cui le proprie condizioni venissero soddisfatte, ma la volontà del calciatore è già un primo passo per potersi sedere a un tavolo per chiacchierare. Il secondo nome emerso negli ultimi giorni è quello di Hakan Calhanoglu: il trequartista turco ha un contratto in scadenza a fine stagione con il Milan e l’accordo per il rinnovo è tutt’altro che vicino. Sempre più probabile dunque l’ipotesi che il calciatore si svincoli a fine anno, con la Juventus che avrebbe superato la concorrenza di Arsenal e Chelsea per accaparrarselo a parametro zero. Anche lo stesso Calhanoglu sarebbe favorevole al trasferimento, visto che si trova molto bene in Italia e non vorrebbe a oggi cominciare una nuova esperienza in un altro campionato.

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.