JUVENTUS 

TIFOSERIA SENZA BUSSOLA, L’ALLENATORE E’ ESPERTO

Vanno bene le critiche a caldo, chi al portiere, chi all’allenatore, chi alla squadra, chi alla società ma forse stiamo un po’ esagerando dopo appena 3 partite di campionato, soprattutto per le modalità in cui sono arrivate.
Detto questo c’è da dire che ai punti avremmo comunque un punto in classifica, bisogna essere onesti e chiari, ci poteva andare meglio senza dubbio, potevamo avere più fortuna ma, se si leggono le statistiche e soprattutto si guardano le partite per 90 minuti, non c’è stata una partita in cui avremmo meritato di vincere.
Ma, chiusa la parentesi, leggo addirittura di gente che pronostica una lotta per la serie B.
Siamo una tifoseria da sempre troppo volubile ed influenzabile dagli eventi negativi che nel calcio esistono così come gli stati di forma precari. Sarei più preoccupato se avessimo giocato al massimo delle nostre possibilità ma non mi pare il caso.Se guardo la squadra, con l’arrivo di Locatelli, nonostante la partenza di Cristiano, vedo un gruppo che ha bisogno solo di trovare l’amalgama giusta, e questo è il compito dell’allenatore, ma che ha delle grosse potenzialità. Basta spesso una scintilla, come il gol di Cuadrado nel derby di qualche anno fa, vincere qualche partita per ritrovare l’entusiasmo. Tre partite non sono niente, tutte le squadre le possono sbagliare ma basta con la cantilena della serie B.
C’è un limite ad ogni decenza. Lo scorso anno abbiamo tutti convenuto che con un allenatore più esperto avremmo potuto contendere lo scudetto all’Inter massacrando il povero Pirlo catapultato in un’impresa più grande di lui.
Oggi l’allenatore esperto, piaccia o non piaccia, ce l’abbiamo e saprà trovare le soluzioni per far rendere meglio la squadra senza fissarci sul gioco perché quello non lo abbiamo avuto neppure con squadre nettamente più forti di questa, a meno che non abbiate rimosso almeno gli ultimi 4 anni.
Io resto fiducioso, mi preoccuperei se fossimo alla decima di campionato. In Champions sarà senz’altro un’altra storia perché ci sono, oltre ai punti in palio, anche denari freschi per le nostre asfittiche casse oltre che la rosa al completo.
Se dovessimo sbagliare quella, allora dovremmo davvero cominciare a preoccuparci soprattutto per la debolezza dell’avversario. Paolo Scola

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.