JUVENTUS 

MA QUALE RIMONTA IL QUARTO POSTO É UNA COLPA DI ALLEGRI

In questi momenti tanto drammatici sembra quasi assurdo parlare di Juve e di calcio in genere ma forse bisogna perché la vita va avanti che è una gigantesca banalità ma è così. Vedere partite di coppa in questi giorni mi fa immaginare, da juventino, un bambino con il naso premuto contro la vetrina di una pasticceria piena di ogni ben di Dio e lui può solo immaginare di dare sfogo alla sua gigantesca golosità, non si può permettere nulla, neppure un biscottino. Non so se qualcuno la pensa come ma io ho visto giocare a calcio e anche un bel calcio. Vedevo in molte fasi questo Bayer Leverkusen avversario dell'”Atalanta, squadra che probabilmente vincerà mai nulla, ma in campo è stata molto più che dignitosa, ha creato tantissime occasioni, pratica un calcio semplice ma redditizio, da centrocampo in su giocano a un tocco, trovano sempre il compagno smarcato che è poi l”ABC del calcio, dimostrano che il calcio è un gioco semplice, basta applicarlo senza tante pippe mentali. E poi, cosa molto divertente, fanno giocare un ragazzo che ha appena compiuto diciotto anni e che ha già una novantina di partite sul groppone nel massimo campionato tedesco, non in quello finlandese e sarà certamente oggetto di mercato nei prossimi anni. Ho fatto l”esempio di questa squadra come avrei potuto farlo di altre, tipo questo Vitesse avversario della Roma che nella mezz’ora iniziale che ho visto ha letteralmente preso a pallate la squadra di Mourinho, mancando almeno un paio di gol che gridano vendetta. Mi sono chiesto, come faccio sempre, se i nostri dirigenti hanno voglia di guardare ogni tanto certe partite delle squadre straniere per valutare le differenza abissali che ci sono tra noi e le altre, la miseria del nostro gioco ammesso che si possa chiamare gioco, basterebbe andare non troppo lontano e rivedersi la partita con il Villareal. Eppure si continua a sentire che la Juve ha fatto una grande rimonta con partite gagliarde, che Allegri è un grande allenatore, che gioca male ma questo giocare male e’ un fatto puramente soggettivo, che è un modo come un altro di stare in campo. Qui mi montano i nervi, non vedi in Italia e ancora più all”estero squadre che stiano in campo come la Juve, non oso dire giocare come la Juve perché sarebbe offensivo per chi gioca davvero.  Poi senti a TikiTaka quell’essere inutile di Zazzeroni, mani e testa sottratte a Ballando con le stelle, affermare nuovamente che “come si fa a criticare Allegri che in estate lo volevano Real Madrid, Inter e qualcun altra, forse il Bayern….” Tutto questo ha un solo significato, che a tutti gli antijuventini come lui fa assai comodo che la Juve sia in mano a un così gigantesco incapace, non corrono pericoli di intromissioni nella lotta per titoli importanti se non per le coppette che contano come il due di picche. Se andiamo a esaminare tutte, ripeto tutte, le partite della rimonta c’è da mettersi le mani nei capelli se uno i capelli li ha. Qualcuno può ricordarmene una decente e non influenzata da decisioni idiote del nostro allenatore? Credo sia molto difficile. Però abbiamo la soddisfazione di aver già battuti tre record: quello degli infortuni muscolari, quello di aver vinto una partita senza tirare in porta come a Firenze e il più antico, quello del record europeo dei retropassaggi. Adesso vediamo con la Samp sperando che il copione cambi ma quant’è che aspettiamo? Mi fido di Gianpaolo che pur avendo idee di bel calcio sa prendersi della belle imbarcate. Vedremo. Sempre forza Juve.Danilo Girardi 

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.