JUVENTUS 

IL 3-5-2 RILANCIA LA JUVENTUS 4-0

Quando la Juventus fa la Juventus si riprende la scena. Il 3-5-2 facilita il compito della vecchia Signora la quale travolge l’Empoli in virtù di un consolidato e speculare modulo che è stato la fortuna di 7 dei 9 scudetti consecutivi. L’imbecillità di Allegri è proprio questa, non capire che è l’unico modulo in grado di proiettare questa squadra in alto e tenerla li. I giocatori sono perfetti con questo modulo, lo diciamo da una vita ma è troppo difficile farlo capire ad un imbecille come Allegri e vedrete che appena può lo toglie. Certo di fronte c’era l’Empoli il quale se è vero come è vero che in trasferta su 5 partite aveva perso una sola volta con 3 pareggi e una vittoria è sempre vero che si tratta dell’Empoli per cui la vittoria è il minimo sindacale per una squadra come la Juventus. La continuità data a Kean da subito risposte concrete perché il ragazzo parte bene sfiora il vantaggio, lo trova con un inserimento che la settimana prima lo aveva portato a sbagliare un goal facile e questa volta la rete si allarga, La Juventus passa.

Poi come capita sempre dopo un avvio spumeggiante cede passo a palla agli avversari ma questa volta ogni sortita nella metà campo dell’Empoli era un’occasione goal o quasi della Juventus in special modo con lo stesso Kean sempre presente in area. I Toscani tengono un ottimo possesso palla ma sono pericolosi solo quando, è capita tre volte consecutivamente, la maledetta ripartenza dal basso porta Szszney passa a Cuadrado e questi perdere sistematicamente il pallone con l’Empoli vicinissima al pareggio. Una vergogna questi due sprovveduti e inetti con la panchina della Juventus ferma. La Juventus si trascina fino al riposo, soffrendo, e torna in campo praticamente trasformata perchè comincia dominare in lungo ed in largo in una maniera mai vista quest’anno, il più bel secondo tempo della stagione a parte le magre di Kostic, irritante, e Cuadrado, da prendere a schiaffi.Kean domina la scena e intanto sugli sviluppi di un calcio d’Angolo McKennie di testa raddoppia. Poco dopo va ancora in goal Kean bellissimo di testa ma viene annullato per un fuorigioco millimetrico, comincia la passerella delle sostituzioni mentre ancora su angolo Rabiot svetta su tutti e segna. Nel finale segna ancora Rabiot e cala il poker bianconero. Se si considera il primo tempo il risultato può sembrare largo ma nell’arco della partita è un risultato giusto. La Juventus nella ripresa ha giocato benissimo, è fuori di dubbio, questo modulo 3-5-2 è un toccasana e può consolidare gioco e posizioni, rinfrancare e rivalutare i calciatori e riportare la Juventus dove gli compete di stare. Il problema è Allegri, l’invertebrato riuscirà a capirlo? Il problema è questo. Sergio Vessicchio

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.