JUVENTUS 

IL CDA NORMALIZZA IL BILANCIO PERDITA RECORD, NEL COMUNICATO NESSUN ACCENNO A NEDVED E ALLEGRI

Tutto normale, la Juventus non fa trapelare niente. La situazione apparentemente resta invariata con Pavel Nedved al proprio posto ma Allegri pure e questa sarebbe l’anomalia. Il consiglio di amministrazione della Juventus presieduto da Andrea Agnelli ha approvato il progetto di bilancio 2021-22, che si è chiuso con la perdita più alta di sempre della storia bianconera: 254,3 milioni. È il quinto esercizio di fila in rosso: -19 milioni nel 2017-18, -40 nel 2018-19, -90 nel 2019-20, -210 nel 2020-21 e il passivo-record della scorsa stagione. QUESTO IL COMUNICATO UFFICIALE…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

L’ALLENATORE DOVREBBE AVERE UN BICIOLO DI DIGNITA’ E ANDARSENE

L’intervista trappola pubblicata da Sconcerti era un patetico tentativo di farsi esonerare dalla società. Tutti si aspettavano le sue dimissioni dopo la gara persa con il Benfica. Lui invece fa uscire questa “chiacchierata” ad orologeria due giorni prima della partita a Monza per evitare di dover perdere tre anni di contratto senza avere alcuna alternativa non essendo stato mai contattato da nessuno. A Monza sapeva bene che la squadra sarebbe scesa in campo completamente demotivata un po’ per i risultati ma soprattutto per i giudizi trancianti dati ai suoi giocatori…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

ALLENATORE SCORTATO E SQUADRA CONTESTATI A MONZA, LA SITUAZIONE E’ DURISSMA ALLEGRI RISCHIA

Prima della gara la situazione era già incandescente.Si sono infatti levati cori e contestazioni nei confronti della squadra («Fuori i cogl…») e in particolare modo di Massimiliano Allegri. Durante tutt la partita nonostante l’intervento di Danilo la gente bianconera ha continuato a contestare. L’impressione è che se non lo mandano via tra oggi e domani alla prossima partita in casa Allegri se la vedrà scellerata. l’assassiono allena (si fa per dire…) la Juventus da ormai quasi un anno e mezzo. Come si può pretendere che colui che è artefice e unico…

LEGGI ANCORA
CALCIO JUVENTUS 

SQUADRA SOCIETA’ ALLO SBANDO E’ NOTTE FONDA ALLEGRI DEVE ANDARE VIA SUBITO

Bisogna mettere fine a questa vergogna e c’è un solo modo mandare via Allegri. Lo diciamo dalla prima giornata dello scorso anno. Uno scandalo, al netto dell’episodio dell’espulsione inventata dall’arbitro la Juventus ha davvero fatto vedere il peggio del peggio se ce ne fosse il bisogno. Intestardirsi a tenere ancora Allegri sulla panchina significa buttare l’acqua con tutto il bambino. Francamente non si può ancora indugiare su un elemento sulla panchina controproducente, distante dai giocatori, bocciato dai media, inviso alla gente bianconera. A Monza si è toccato il fondo, la…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

QUANTO ALLEGRI FA PERDERE ALLA JUVENTUS CON L’ELIMINAZONE DALLA CHAMPIONS

La sconfitta contro il Benfica ha gettato ulteriore benzina sul fuoco in un’ambiente che sembra destinato ad esplodere da qui a poco. I 0 punti in classifica nel girone sono infatti la dimostrazione del fatto di quanto sia in un momento di estrema difficoltà la Juventus, dato che mai nella sua storia aveva iniziato con due sconfitte in altrettante gare in questa competizione. Tutto questo, non solo ha generato sconforto ma ha anche fatto perdere delle entrate al club della Continassa che, dopo due turni rischia di perdere potenzialmente circa…

LEGGI ANCORA
JUVENTUS 

L’HASCHTAG #ALLEGRIOUT E’ IL SESTO AL MONDO

E se a Monza fosse uno scontro tra neoallenatori? Difficle, dati i tempi stretti, ma non del tutto inverosimile. Prima le incertezze con la Salernitana, al netto del pasticcio al Var, poi la sconfitta interna contro il Benfica, infine, la goffa risposta di Maurizio Arrivabene a un tifoso (“Lo paghi tu quello che viene”) e le certezze di Max Allegri sul suo futuro (“Non mi sento a rischio”). Sono ore cruciali in casa bianconera mentre i social hanno già condannato il tecnico bianconero con l’hashtag #Allegriout.  #ALLEGRIOUT in questo momento è il sesto haschtag…

LEGGI ANCORA
EDITORIALE JUVENTUS 

I TIFOSI NON SONO INFURIATI, SONO SCHIFATI!!! DI SERGIO VESSICCHIO

La stampa controllata dalla Juventus tenta ancora di smorzare le polemiche e parla di tifosi delusi, infuriati e via dicendo. Questa fase i tifosi l’hanno già superata. I tifosi sono schifati, nauseati e stanno abbandonando la Juventus. Allo stadio contro la Salernitana solo 26.000 spettatori tra i quali gli abbonati, ieri sera vi erano poco più di 30.000 tifosi. I prezzi dei biglietti incidono molto ma anche l’andamento della squadra ha il suo peso su questo disamoramento. La dura contestazione subita da Allegri è stata fatta apparire come blanda e…

LEGGI ANCORA
CALCIO JUVENTUS SERIE A 

ESONERO ALLEGRI VOCI NON CONFERMATE MA LA SOCIETA’ CI STA PENSANDO

L’errore arbitrale con la Salernitana non cancella le responsabilità del tecnico. Per i fan bianconeri la squadra non può andare sotto di due gol contro una formazione in lotta per non retrocedere e soprattutto non può continuare a offrire un gioco deludente, che crea poche occasioni per le punte. Già durante la partita su Twitter è tornato a circolare l’hashtag #AllegriOut con il quale parte della tifoseria della Juventus sta portando avanti, ormai da tempo, la contestazione all’allenatore: per gli juventini la misura è colma, la dirigenza deve prendere atto dell’incapacità di…

LEGGI ANCORA
CALCIO JUVENTUS 

IL 3-5-2 POTREBBE SALVARE LA STAGIONE E LA PANCHINA DI ALLEGRI

Solo tornando al 3-5-2 si potrebbe arrivare a salvare la stagione della Juventus. Se lo capirà o no l’invertebrato sulla panchina è facile prevederlo, non lo capisce. Inutile girarci intorno. la stampa a suo favore pur difendendolo senza se e senza ma lo sta sollecitando a fare questo modulo vincente. Un passo indietro per andare avanti: la scelta del 3-5-2 contro il Psg riporta alla memoria la prima Juve di Allegri, quella della stagione 2014-15. Quella del primo scudetto dell’era dell’allenatore controproducente, nonché della coppa Italia e della finale Champions…

LEGGI ANCORA
CALCIO JUVENTUS SERIE A 

ALLEGRI LANCIA MILIK AL POSTO DI VLAHOVIC, LE FORMAZIONI UFFICIALI DI FIORENTINA JUVENTUS

LE FORMAZIONI UFFICIALI FIORENTINA (4-3-3): Terracciano; Dodo, Milenkovic, Igor, Biraghi; Barak, Amrabat, Maleh; Ikoné, Jovic, Sottil. All. Italiano  JUVENTUS (4-3-3): Perin; Cuadrado, Bremer, Danilo, Alex Sandro; Locatelli, Paredes, McKennie; Di Maria, Milik, Kostic. All. Allegri

LEGGI ANCORA
CALCIO JUVENTUS SERIE A 

LE CONFERENZE STAMPA DI ALLEGRI SONO IL FESTIVAL DELLE MINCHIATE

Con la massima sincerità dico che sono mesi che non ho più voglia di scrivere, di leggere, di addentrarmi nel mondo Juve. Mi sembrano tutti pazzi, incompetenti, improvvisatori, gente che con il calcio ha nulla da spartire. E poi c’è lui, il coglione principe, il mangiapane a tradimento, il re del nulla: Massimiliano Allegri. Ho voluto attendere la seconda partita, la prima in trasferta, per capire se fosse arrivata dal cielo una sorta di folgorazione, un miracolo che ci permettesse di vedere la Juve giocare a calcio e sappiamo tutti…

LEGGI ANCORA
CALCIO JUVENTUS SERIE A 

ALLEGRI E’ UNA TRUFFA, CON LUI SI RISCHIA UN’ALTRA CALCIOPOLI/VIDEO

La cosa comincia a puzzare. Allegri fa errori controproducenti che portano a pensare ad una truffa ai danni della Exor innanzitutto e poi dei tifosi, della gente, degli scommettitori, di chi ha la fede, della gente che va allo stadio, di chi spende soldi per abbonamenti, tv e via dicendo. Allegri sulla panchina della Juventus è una truffa al calcio, al sistema calcio. Le sue scelte controproducenti, il suo modo di agire, il suo prendere in giro la gente, quei giornalisti che poi non sono altro che delle veline con…

LEGGI ANCORA
CALCIO IL POST PARTITA JUVENTUS 

ALLEGRI STA DISTRUGGENDO VLAHOVIC, IERI SERA L’HA MESSO IN CONDIZIONE DI FARE FIGURACCE

L’autogol sfiorato, ma soprattutto la solitudine: mal servito dai compagni, i passi indietro di Dusan chiamano in causa tutta la Juve Marco Guidi23 agosto – MILANO A fine primo tempo, un dato fotografava alla perfezione tutte le difficoltà di Dusan Vlahovic nella grigia serata di Marassi: appena tre palloni toccati, uno nella sua area che per poco non beffava Mattia Perin (palo su corner della Samp). Un altro a metà campo, l’ultimo nella zona destra dell’attacco. Zero negli ultimi 18 metri avversari. Fonte Gazzetta.it

LEGGI ANCORA