COPPA ITALIA JUVENTUS 

FIORENTINA CHI DI INFERNO FERISCE ALL’INFERNO FINISCE

Chi di inferno ferisce, con un finale thriller all’inferno finisce. Questo il motto che riassume ciò che è accaduto nell’andata di semifinale tra la Fiorentina e la Juventus. La partita era iniziata con la coreografia dei tifosi della Fiorentina che richiamava il canto numero XXXII dell’Inferno, nella Divina Commedia, che narra le sventure dei traditori in vita: “Ormai non vò che più favelle, malvagio traditor, ch’a la tua onta, io porterò di te vere novelle”, con il riferimento alla prima apparizione al Franchi di Dusan Vlahovic con la maglia bianconera…

LEGGI ANCORA